Se qualcuno pensava che il caro-pedaggi fosse una storia ormai lontana si sbagliava di grosso. A prendere in mano bandiere, striscioni e ragioni sono i sindaci dei comuni interessati alla querelle che si è rivelata l’ennesimo salasso per i contribuenti, portando ad un nuovo rincaro per chi prende l’autostrada per andare verso la Capitale e non solo. Dopo la riunione del 3 settembre a Carsoli, i rappresentanti di Lazio e Abruzzo hanno deciso di scrivere di nuovo al ministro dei Trasporti Danilo Toninelli per chiedere un incontro da fare contestualmente alla manifestazione organizzata per il 19 alle 10.30 presso il Piazzale del Ministero dei Trasporti a Roma (Porta Pia-Nomentana). Un ulteriore passo per portare a casa una serie di richieste: dal blocco dell’aumento delle tariffe alla costituzione di un tavolo per la ridefinizione dei pedaggi. Intanto per fare il punto della situazione ci saranno due conferenze stampa. La prima a Pescara il 13 alle 11, la seconda il 14 a Tivoli nel Palazzo comunale alle ore 12. Un mese, quello di ripresa dalle ferie, sicuramente intenso, in cui il lavoro sarà anche quello di evitare che la storia – a differenza degli anni passati – si ripeta ancora.

Tropiano Lega