Basta “odio”, la strada è quella dell’integrazione sociale. Ne è convinto Davide Russo, vicesindaco di Guidonia Montecelio dopo gli attacchi ricebuti dalla leghista Giovanna Ammaturo per la presenza dell’accampamento abusivo dei nomadi nella zona industriale. Un botta e risposta tra il cinque stelle e la salviniana, andato avanti con i video vista roulotte. Nel primo Russo annunciava lo sgombero, nel secondo – di ieri – la consigliera di opposizione mostrava ancora la zona “assediata dai rom”. Insomma a Guidonia, l’esperimento nazionale del governo giallo verde non sembra per ora avere chance, visto il tono dello scontro. “Ammaturo stai serena – risponde Russo – le parole della consigliera le trovo del tutto prive di buonsenso. Questo modo di fare politica alimenta odio, rancore e divisioni sociali. I camminanti sono cittadini italiani a tutti gli effetti. La loro storia ha origini ben lontane. E questa amministrazione comunale ha grande senso di responsabilità cercando di offrire loro un percorso di integrazione. Stiamo lavorando per risolvere il problema rispettando le regole e le normative vigenti. Sembra che la propaganda e gli spot, superficiali per definizione, abbiano preso il sopravvento; ma argomenti di tale importanza, invece, dovrebbero essere affrontati con particolare accuratezza e meticolosità. In questo territorio gli insediamenti esistono da decenni e non mi risulta che chi governava in passato abbia affrontato la questione seriamente. Noi lo stiamo affrontando con coraggio e determinazione”.