Ottimo risultato per la Cisl funzione pubblica nelle elezioni Rsu (Rappresentanze Sindacali Unitarie) all’interno dell’Asl Roma 5 che con 659 voti è la lista più votata. A seguire la Uil Fpl con 635 preferenze e la Cigl Fp con 399 voti. “Una vittoria frutto di sacrificio lavoro e dedizione – ha commentato Donatella Cumbolotti, responsabile Cisl Colleferro – siamo sempre pronti a rispondere ai problemi dei dipendenti della struttura ospedaliera di Colleferro e ai problemi dettati dal pesante piano di ridimensionamento e della grave carenza di personale che, in questi anni, la nostra sanità ha dovuto subire”. Dello stesso tono le dichiarazioni del responsabile Cisl di Tivoli Stefano Zarelli. “Una soddisfazione che mancava da anni – le sue parole – raccogliamo ciò che seminiamo nel tempo. Continueremo a vigilare e denunciare problemi e fatti che mettono a rischio operatori ed utenza. Abbiamo assistito in questi 7 anni ad avvicendamenti continui di direttori generali e commissari e questo non ha garantito una continuità progettuale. Ci batteremo per rinnovare strutturalmente il Dea di Tivoli e trasformare i reparti in aree ad intensità di cura. Ci faremo sentire”. Un ritorno sulla scena sindacale quello di Maurizio Civarelli, responsabile Cisl Monterotondo. “Dopo un periodo di fermo – sostiene il sindacalista – sono risceso in campo per dovere e senso civico. Non potevo assistere passivamente ad una destrutturazione continua dell’ospedale di Monterotondo”. Soddisfazione anche da parte di Dimitri Cecchinelli, segretario territoriale Asl Roma 5. “Questa è solo una piccolissima parte della squadra – dichiara Cecchinelli – che ha reso possibile la vittoria storica della Cisl nell’Asl Roma 5. Penso al grande lavoro di tutti i ragazzi di Palestrina, Palombara Sabina, Guidonia Montecelio e Subiaco. Posso dire con certezza assoluta che questa è la vittoria di chi lavora da sempre in prima linea”.
Vincenzo Perrone