Il Comune fa scattare la riscossione coattiva per chi non ha pagato la tassa sui rifiuti negli anni precedenti. Via libera ai cosiddetti “ruoli coattivi”, vale a dire alla lista dei morosi con tanto di importi dovuti che viene trasmessa all’Agenzia delle Entrate per avviare la procedura con riscossione in unica soluzione e scadenza alla prima data utile. Due i provvedimenti: uno riguarda la Tares del 2013 con un conto da riscuote pari a quasi 11mila euro da una lista di 123. Il secondo ruolo approvato riguarda la Tari non versata del biennio 2014-2015: quasi 81mila euro da incassare. Anche in questo caso la lista è stata inviata all’Agenzia delle Entrate per rendere operativo al più presto il recupero delle somme. RedCro