Il 27 marzo dalle 19 e 30 spazio alla via Crucis che da via Rinaldi a Guidonia si snoderà a margine del confine aeroportuale per ribadire “nella tradizione quanto sia viva e vitale la fede”. Insieme a Padre Giulio Cerchietti oltre 30 figuranti tra giovani, uomini, donne e bambini, che partecipano da tempo ai preparativi con orgoglio, scegliendo ognuno il proprio ruolo e studiando i costumi nei minimi particolari. Narratore il colonnello a riposo Nicola Vito Girone per questa emerita iniziativa aperta ovviamente a tutti che ha inoltre lo scopo di sollevare da più di qualche sofferenza i bambini del Benin. Un progetto che sta particolarmente a cuore da anni a Don Giulio, quanto questa rappresentazione biblica dell’entrata a Gerusalemme e della Passione di Gesù Cristo.