Aumenta il peso della coalizione civica guidata da Umberto Falcioni e dalla famiglia Grasselli (padre Fulvio e figlia Micol) grazie all’ingresso della lista Gente di Fonte Nuova di Cesidio Pulsone. Una storia politicamente opposta quella di Pulsone rispetto ai suoi nuovi alleati, con un passato remoto nella sinistra per diventare, poi, grillino della prima ora a Fonte Nuova, uscendo dal movimento prima delle elezioni 2014. Attualmente Pulsone è molto attivo sul territorio con il comitato genitori. “Questa coalizione ha molte probabilità di vincere- sostiene Pulsone – e di governare in un altro modo rispetto a quello fatto fino ad ora dagli altri, ovvero sganciandosi dai partiti romani. Io mi sono sempre occupato di scuola e sociale ma sono politicamente a disposizione”. Per ora, quindi, questo progetto politico è a tre teste, da un lato la Prua di Falcioni, poi c’è il movimento, ancora anonimo, dei Grasselli e l’ultimo arrivato Gente di Fonte Nuova. L’ingresso di Pulsone nella coalizione civica potrebbe far tramontare una possibile alleanza con Rinascita di Fonte Nuova dell’ex consigliere Antonio Di Pietro, verso cui il leader di Gente di Fonte Nuova è stato spesso critico duramente l’amministrazione Cannella. Comunque a breve questo progetto politico dovrebbe essere svelato ai cittadini quindi tutti i dubbi verranno dissipati.

Sul candidato sindaco salgono le quotazioni di Piero Presutti. Non è ancora ufficiale, intendiamoci, ma ormai molti rumors vedono sempre più in pista Piero Presutti come candidato sindaco di questa nascente coalizione civica. Come per Pulsone anche Presutti ha una storia politica opposta rispetto al duo Falcioni-Grasselli. Attualmente Presutti lavora per il comune di Roma ed è stato assessore durante la giunta di centrosinistra guidata dall’ex sindaco Giovanni Vittori. In buona sostanza, quindi, il progetto sembra molto simile a quella che ha portato alla vittoria di Giuseppe Proietti a Tivoli nel 2014 e di Marco Benedetti a Mentana lo scorso anno, con l’unione tra più liste civiche con rappresentanti che provengono da storie politiche molto diverse ma con una base programmatica condivisa. Tentativo che in forma diversa i biplanisti e i cerroniani stanno tentando di mettere in campo anche a Guidonia Montecelio, ma con prospettive a quanto sembra di capire meno competitive. Le urne diranno se Fonte Nuova ripeterà il successo di Tivoli e Mentana o, se invece, in questo caso sarà un flop.
Vincenzo Perrone