Scende in campo il Codacons per tutelare i cittadini di Marcellina che convivono da un tempo ormai incalcolabile con la mancanza d’acqua. Il disservizio mette in serie difficoltà famiglie e attività. A niente sono serviti gli incontri e la mobilitazione del Comune nei confronti di Acea che, tra l’altro, con il servizio di autobotti è riuscita a coprire solo il 50% percento del fabbisogno. Insomma, un vero incubo che appare inspiegabile. Il Codacons ha annunciato di mettere a disposizione di cittadini e titolari di attività commerciali la nomina di persona offesa: il primo passo per costituirsi, poi, parte civile nel processo ed essere risarciti. “L’associazione, grazie all’impegno e all’iniziativa del consigliere comunale Enrico Salvatori e del responsabile locale del Codacons Germano Giubilei, ha deciso di attivarsi in prima persona, per chiarire le ragioni di questo stato di cose. Il Codacons interviene a tutela dei cittadini del Comune di Marcellina presentando nomina di persona offesa alla Procura di Tivoli, ma soprattutto mettendo a disposizione di tutti gli interessati che si iscriveranno (inviando un sms, al costo di 2,03 Euro*, al numero 4892892 con il testo 203 CODACONS 2016) la nomina individuale. L’inoltro di tale atto alla Procura indagante permette di essere correttamente e puntualmente informati circa gli eventuali rinvii a giudizio ed è il primo passo per costituirsi, poi, parte civile nel processo ed essere risarciti”.