Governo al tramonto a Fonte Nuova, mentre l’opposizione fibrilla e dalla maggioranza piovono defezioni, nel Pd è arrivato il momento delle decisioni definitive. E’ a un soffio dalle dimissioni il vicesindaco Rita Salomone, che nella giornata di domani dovrebbe formalizzare il passo indietro. Un atto forte voluto insieme al partito provinciale, la scelta sarebbe maturata infatti dopo un colloquio con il segretario Rocco Maugliani.

La Salomone è in Giunta da un anno, dopo la crisi dello scorso autunno, una presenza voluta appunto dai vertici che ora a quanto pare sono pronti a ritirare l’appoggio all’amministrazione Cannella. La linea unisce il provinciale al partito locale, che già in questi giorni con Francesco Mongiu si è pronunciato in maniera aspra rispetto ai metodi utilizzati dal primo cittadino. Nelle stanze della federazione piddì sarebbe montato un profondo sconcerto per la gestione della crisi politica: dimissioni mai motivate dal sindaco che le ha poi ritirate in forza di un accordo cioè la cacciata di Durantini dalla Presidenza del consiglio, smentito dal diretto interessato, con i consiglieri pronti a sparare a zero pubblicamente per poi andare invece a trattative politiche private. Un panorama non più sostenibile – dicono le indiscrezioni – nei piani alti del Pd, il gruppo dirigente provinciale è convinto infatti che a questo punto non ci siano più le condizioni per andare avanti con il governo di Fonte Nuova. Proprio questo pomeriggio una riunione alla presenza di Maugliani, che si preannuncia tesissima. redpol.