di Vincenzo Perrone

L’opposizione dice basta e prepara una mozione di sfiducia per mandare a casa il sindaco Fabio Cannella, sarà protocollata al massimo domani mattina. Il presidente del consiglio avrà i giorni canonici per convocare la discussione sulla mozione. Scontato il voto favorevole degli 11 consiglieri di opposizione, la partita si gioca sulla maggioranza dove bastano due voti favorevoli per porre fine al governo di Fabio Cannella.

Falcioni: “Vediamo da che parte stanno i consiglieri di maggioranza”
“E’ un atto che nasce dopo alcune dichiarazioni dei consiglieri di maggioranza – sostiene il consigliere di Forza Italia Umberto Falcioni – così attraverso il dibattito pubblico in consiglio comunale, vedremo chi sta da una parte e chi dall’altra”. Una situazione secondo il consigliere che ha portato all’immobilismo politico. “Lo spettacolo dato fino ad ora è stato indegno e il dato più preoccupante è che è tutto fermo”.

Novelli: “Non possiamo continuare a discutere delle poltrone del Pd”
Di tenore simile sono le dichiarazioni del capogruppo del Movimento 5 Stelle Valerio Novelli. “La sfiducia è un atto dovuto – commenta – così ognuno si prenderà le sue responsabilità. Siamo stufi di gente che è contraria all’amministrazione ma per il bene del partito vota a favore di determinati provvedimenti. Del resto gli atti concreti si fanno nel consiglio comunale”. Non manca, inoltre, una frecciatina al presidente del consiglio comunale Agostino Durantini, già attaccato in altre occasioni dai pentastellati. “Il presidente del consiglio può calendarizzare il voto di sfiducia dai 10 ai 30 giorni dopo il protocollo della mozione. Vediamo se darà un segnale di trasparenza e il consiglio comunale si terrà presto. Non possiamo rimanere ancora a discutere sulle poltrone del Pd come è stato fatto in questi due anni e mezzo”.

Di Buò: “L’amministrazione ha perso il livello di moralità”
“Non ci sono più le condizioni morali per andare avanti con questa amministrazione” commenta l’ex sindaco Graziano Di Buò ed ora consigliere comunale della lista civica “Vita Nuova per Di Buò”. “Questa amministrazione non ha più niente da dare e da dire. Bisogna andare a nuove elezioni per recuperare il livello di moralità perduto”.

Verticelli: “Dal punto di vista etico siamo alla deriva più totale”
“Il sindaco non è mai stato in grado di svolgere il proprio ruolo anche quando eravamo in maggioranza insieme – sostiene Paola Verticelli, consigliera de “L’Altra Fonte Nuova”, adesso all’opposizione ma inizialmente nel governo Cannella con l’ex assessore Paola Scatena – Il Pd è sempre stato diviso e Cannella troppo impegnato ad accontentare i vari gruppi all’interno della sua maggioranza”. Verticelli pone anche l’accento sull’etica della gestione Cannella. “La mozione di sfiducia parlerà di etica perché da questo punto di vista siamo alla deriva più totale”.