Coalizioni di centrosinistra senza “collage” o esperimenti già provati nei Comuni e falliti nelle urne. E’ il consigliere regionale del Pd Riccardo Agostini a commentare la posizione di Emanuele Di Silvio e Simone Guglielmo, che in vista delle elezioni del 2017 a Guidonia Montecelio chiedono non solo le primarie ma di chiudere le porte a candidati sindaco provenienti dall’esperienza del governo di centrodestra. Un tema destinato a rendere caldo il dibattito interno e che coinvolge il partito a ogni livello. “Il richiamo fatto da due esponenti del Pd di Guidonia è condivisibile e da estendere a tutte le realtà locali. Sull’onda dell’intervento del presidente Zingaretti all’unità del centrosinistra nell’area metropolitana – dice Agostini – la richiesta di Di Silvio e Guglielmo, primarie tra candidati provenienti dal centrosinistra, che non abbiano ricoperto incarichi istituzionali con il centrodestra, prova anche a mettere un punto ad avventure già sperimentate, anche nei loro miseri fallimenti”.

L’analisi di Agostini – “L’impressione è che, non paghi di brutte figure rimediate nelle ultime tornate amministrative, si voglia ricorrere di nuovo al collage di pezzi sparsi di centrodestra, – dice il consigliere regionale democrat – magari alcuni dei protagonisti della scorsa maggioranza e della sua caduta, e magari appiccicati con la colla dei Comitati per il sì al referendum, e proporre questo risultato rappezzato agli elettori. Finirebbe come le altre volte”. Riferimenti che in ambito locale mirano dritti alla figura di Aldo Cerroni che con la sua lista civica è stato al governo con Rubeis, rendendosi poi però artefice della sua fine, e che ora è tra i fondatori – se così si può dire – del comitato per il sì al referendum. “A Guidonia, come negli altri Comuni che saranno interessati dalle elezioni amministrative della prossima primavera, c’è tutto il tempo e le possibilità per presentare una coalizione di centrosinistra già pronta al governo della città. Un’occasione da non perdere – conclude – se davvero si vuole cambiare verso”.