Proclamazione consiglieri 1Consiglieri di maggioranzaConsiglieri di opposizioneProclamazione consiglieri 2

di Vincenzo Perrone

“Se ci sono persone in grado di affrontare sfide difficilissime, enormi e più grandi di loro, non vedo come noi non possiamo affrontare questa sfida e vincerla”. Sono queste le prime parole di Marco Benedetti, dopo la cerimonia ufficiale di giuramento come nuovo sindaco di Mentana. L’evento si è svolto nell’ufficio del sindaco al primo piano dell’edificio comunale di piazza della Repubblica.

(il testo prosegue dopo il video)

Proclamazione consiglieri comunali – La cerimonia è poi proseguita nell’altro edificio dove si svolge il consiglio comunale, per la proclamazione degli eletti. In questa circostanza è stato lo stesso sindaco a nominare i consiglieri invitandoli a firmare la documentazione relativa alla loro elezione. Unico assente tra le file della nuova maggioranza Matteo Alesiani di “Mentana Nostra”, mentre diverse sono state le defezioni da parte delle opposizioni. Presenti, infatti, soltanto Mauro Galafate del Partito democratico e David Perria del Movimento 5 Stelle. Assenti gli altri quattro consiglieri d’opposizione ovvero Maria Rendini (Pd), i forzisti Arianna Plebani e Giancarlo Coltella e il civico Francesco Petrocchi. Sarà un consiglio comunale decisamente più rosa rispetto al precedente, dove l’unica donna era l’ex presidente Adelaide Rotolo. Ci saranno infatti 8 donne (6 in maggioranza e 2 all’opposizione) su un totale di 16 consiglieri comunali. Un risultato frutto sicuramente dell’obbligatorietà, in caso di doppia preferenza, di indicare due persone di sesso diverso, ma anche delle tante candidature femminili all’interno delle liste e delle due candidature a sindaco di Maria Rendini ed Arianna Plebani, poi elette consigliere.

I prossimi appuntamenti e i primi problemi per il neosindaco – Passaggio fondamentale nei prossimi giorni sarà la formazione della Giunta che Marco Benedetti sta costruendo e il primo consiglio comunale con l’elezione del Presidente. Il primo nodo serio che il nuovo sindaco dovrà affrontare sarà quello dei rifiuti, dopo che il Tar ha annullato il bando di gara che ha dato il via all’appalto vinto dalla ditta Paoletti in associazione con la Coop Lat. Una questione non da poco visto che, intanto, sta montando un problema rifiuti importante con i cassonetti sempre più stracolmi. Per capire l’aria che tira, nel giorno delle cerimonie c’è un materasso abbandonato vicino ai cassonetti che si trovano tra i due edifici comunali.

Materasso cassonetto vicino al comune