di Vincenzo Perrone

A Bilancio di previsione appena approvato dal consiglio comunale di Fonte Nuova, arriva netta la bocciatura del segretario del Pd Francesco Mongiu. “Nel bilancio c’è mancanza di programmazione, viene gestito l’esistente e non viene rivoluzionata la città”. Che i rapporti tra il primo cittadino e il partito che lo sostiene non fossero idilliaci era noto già da tempo ma adesso, con la stroncatura dell’atto più importante viene tracciato un solco netto.

I punti critici: sociale, opere pubbliche e raccolta differenziata – Sono tre i settori secondo il segretario dem da rivedere completamente. “Sul sociale – continua Mongiu – c’è un taglio lineare di 200mila euro per quanto riguarda l’assistenza dei bambini disabili nelle scuole; sulle opere pubbliche non c’è una vera programmazione ma interventi a spot e poi sulla differenziata c’è il caos totale. Ora si è appena insediato il nuovo gestore, ma non si sa quando la raccolta differenziata parta, si vocifera ad ottobre ma, intanto, manca la comunicazione ai cittadini”.

Assessori in continuo cambiamento – Sono stati molteplici i terremoti politici in due anni di amministrazione Cannella con continui cambi di assessore e un azzeramento che è durato quattro mesi. Basti pensare che l’attuale assessore al bilancio Roberto Baccani è il quarto ad insediarsi in uno dei ruoli più delicati per una giunta comunale. Recente, inoltre, il cambio all’assessorato all’ambiente dove Donatella Ibba è stata sostituita da Federica Donati in una fase molto delicata. Questo per non entrare nel dettaglio in settori come sociale, opere pubbliche ed urbanistica dove le sostituzioni non sono state indolore.

Maggioranza divisa in consiglio comunale – Oltre alla palese uscita dal Partito democratico dei tre consiglieri di “Rinascita di Fonte Nuova”, va registrata la posizione di Eleonora Panzardi e Federico Del Baglivo che rimangono dentro per disciplina di partito ma con mal di pancia. Non sono casuali, infatti, le dimissioni da capogruppo di Del Baglivo a dicembre con la giunta nuova appena insediata. In un’intervista al nostro giornale, successiva a quell’atto, lo stesso Del Baglivo auspicava un cambio di rotta nell’amministrazione Cannella, ma stando a quanto sostiene il partito locale, ciò ancora non è avvenuto.