Consiglieri sempre più rassegnati a Guidonia Montecelio, sindaco facente funzioni convinto di riuscire a superare la prova di venerdì, nel pieno caos politico con lo scioglimento che potrebbe essere ormai a un passo, si inserisce anche la partita del nuovo Presidente del consiglio comunale. L’elezione è il primo punto all’ordine del giorno, dopo le dimissioni di Aldo Cerroni la casella è rimasta vacante. Così con l’incognita di assegnare il banco più alto dell’assemblea forse per appena dieci minuti, la maggioranza si appresta comunque a premiare uno dei suoi: il nome scelto dal centrodestra è quello del forzista Alberto Morelli, mentre l’opposizione nelle schede scriverà quello del democratico Rocco Cisano, stimato medico di Villanova. Sempre che non ci siano sorprese da parte dei quattro dissidenti.

Meglio partire dagli appuntamenti – Venerdì ore 9 e in caso di mancanza del numero legale lunedì 30 maggio alla stessa ora, il consiglio comunale si riunisce per l’approvazione del Bilancio di previsione 2016 e del rendiconto di gestione. Non sarà subito quello l’argomento affrontato, si parte dall’elezione del Presidente: la candidatura era stata offerta nel pieno delle trattative alla dissidente Anna Maria Vallati che a quanto pare però non ha voluto neanche saperne. Così da Forza Italia è venuto fuori il nome di Morelli, consigliere vicino ad Andrea Mazza, e su quella ipotesi si è trovato l’accordo generale. D’altronde l’assessore all’Urbanistica è stato indicato direttamente dal collega, la possibilità di assumere l’incarico non è letta come uno scompiglio negli equilibri. Vero certo, come lo è il rischio di ricoprire il ruolo per appena una manciata di ore. Con il Bilancio, l’amministrazione può andare a casa se i quattro critici (tre forzisti Vallati, Valeri e Sassano più il civico Cerroni già uscito dal governo) non voteranno a favore. Tanto che tra le opzioni al vaglio di una maggioranza in pieno panico scioglimento c’è anche quella di spostare l’elezione del Presidente come terzo punto, se ne parlerà nella riunione del gruppo di Forza Italia convocata per domani pomeriggio, anche se sembra invece prevalere la linea della strategia: utilizzare il voto su Morelli Presidente come prova generale di quanto accadrà subito dopo sul Bilancio. Azzardato, i quattro dissidenti potrebbero infatti seguire uno schema diverso. La minoranza intanto sembra convergere su Cisano.

Il futuro Presidente – E’ consapevole del momento più che critico, ma comunque non si tira indietro Alberto Morelli. “Se serve per poter andare avanti io sono a disposizione e ringrazio i colleghi che mi hanno candidato. Il nostro obiettivo è arrivare a luglio o a settembre per avviare tre o quattro provvedimenti importanti per Guidonia Montecelio, penso all’edilizia scolastica o alla possibilità di gestire in parte i finanziamenti della Ryder Cup, risorse fondamentali per le infrastrutture. Ringrazio chi mi dà stima e voglio precisare che io lo faccio solo per la città”. geape.