Un paio di click e il mondo dell’amministrazione pubblica dovrebbe aprirsi in pochi secondi. Ecco, dovrebbe, perché da qualche tempo per i tiburtini che vogliono sapere cosa stanno facendo gli eletti in quel di Piazza del Governo numero 1 non c’è modo di avere informazioni in tempo reale, o quasi. Ad essere come si dice off line da settimane è l’Albo pretorio a causa di un virus che ha attaccato i sistemi informatici del municipio cittadino. Un problema che, stando a quanto comunicato sul portale istituzionale, doveva essere risolto in una manciata di giorni. A dirlo la segretaria generale, Lucia Leto, che forse in un momento di euforia ed ottimismo, ha cantato troppo presto vittoria. Era il primo aprile, sicuramente non un pesce, ma nei fatti il «fermo informatico che ha colpito il CED (Centro Elaborazione Dati) del Comune di Tivoli» non ha causato uno stop «ancora per qualche giorno» ma per qualche settimana. Chiaramente la carta non ci ha abbandonato e così per gli appassionati di amministrazione pubblica o per gli addetti ai lavori resta il piano b: l’Albo cartaceo del Comune ubicato nell’androne di Palazzo San Bernardino. Loro chiedono scusa per il disservizio, noi ci armiamo di pazienza e confidiamo nel futuro. La speranza è sempre l’ultima a morire.