FONTE NUOVA – I carabinieri della compagnia di Monterotondo hanno arrestato un quarantanovenne, originario di Mentana e già noto alle forze dell’ordine, ritenuto il responsabile della rapina messa a segno il 9 luglio del 2010 all’ufficio postale di Santa Lucia di Fonte Nuova. Armato di fucile a canne mozze, l’uomo fece irruzione facendosi consegnare l’incasso, ma nel fuggire perse il cappellino con il quale si era travisato. A distanza di sei anni, grazie alle indagini svolte per un’altra rapina compiuta dall’uomo e per cui è stato già riconosciuto responsabile, gli investigatori dell’Arma, diretti dal capitano Salvatore Ferraro, sono riusciti ad associare il suo dna con quello trovato sul cappellino. Al rapinatore è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del tribunale di Tivoli, che dispone per lui gli arresti domiciliari a Fonte Nuova. (4 aprile 2016 – www.lavocedelnordestromano.itRed