«Ciao sindaco lo sai che salire qui è molto pericoloso?» Comincia così il video che vede protagonista Lara, la bambina di 5 anni che insieme alla sua mamma, la giornalista Maddalena Carlino, ha voluto raccontare al primo cittadino, Giuseppe Proietti, le difficoltà che incontrano i bambini che vogliono giocare in uno dei parchi più amati della città, quello che si trova a pochi metri da Piazza Garibaldi. La situazione non è certo delle migliori: tra sporcizia, piante urticanti e scivoli in pessime condizioni per i cittadini più piccoli divertirsi all’aria aperta appare come un’impresa vera e propria. Lara, coda di cavallo, sorriso stupendo e un carattere decisamente volitivo, non ci sta e descrive punto per punto tutto quello che non va bene per chiudere con una frase ben precisa: «Sindaco è normale tutto questo? Vogliamo giocare e stare al sicuro». Grazie al potere della rete la lettera virtuale è diventata come si dice in gergo «virale», visualizzata più di 6000 volte, condivisa a commentata da altre mamme e altri papà e non solo. Purtroppo la condizione dei giardinetti, biglietto da visita non proprio eccezionale per un comune che vanta siti Patrimonio dell’Umanità, non è l’unica da tenere sotto controllo. Tra lucchetti e ordinanze buona parte delle aree verdi presenti sul territorio restano di fatto inaccessibile ai più, a causa degli esiti poco fortunati dell’ormai noto bando con cui l’amministrazione Galotti tentò con alterne vicende di affidarle ai privati. La legge è lenta, si sa, le amministrazioni pure.