TIVOLI – Si è presentato come un normale cliente in casa di una prostituta romena, a San Vittorino, ma prima di andare via invece di mettere mani al portafogli la aggredisce e le porta via 350 euro e il telefonino. A bloccare l’uomo dopo l’allarme fatto scattare dalla escort, una romena 37enne, sono stati i carabinieri di Tivoli. La donna aveva dato la descrizione dell’aggressore e il modello dell’auto con cui si era allontanato sulla Polense. Una macchina, intestata ad una società, risultata fermata più volte in zone di prostituzione. L’uomo si è trovato i militari ad attenderlo sotto casa: aveva ancora addosso i soldi arraffati alla prostituta. Le manette sono scattate con l’accusa di lesioni e rapina. La 37enne è stata medicata in ospedale da dove è uscita con cinque giorni di prognosi.

(13 gennaio 2016 – www.lavocedelnordestromano.it) Red