“Basta degrado” è uno degli slogan che grideranno domani durante il corteo che attraverserà il centro di Guidonia: la piazza è delle mamme che vogliono sicurezza nelle scuole. Proprio loro solo le protagoniste di una protesta senza precedenti nella terza città del Lazio, donne, mamme esasperate dalle condizioni in cui vengono lasciate le strutture scolastiche della città. Le organizzatrici sono genitori di alunni dell’istituto Montelucci, dei due plessi di Colle Fiorito e Albuccione, dove l’abbandono dal parte del Comune produce guai seri: furti a ripetizione, vandalismi, topi nella mensa. Non c’è alcun ostacolo tra i ladri e l’interno degli edifici. Ecco perché scendono in strada, venerdì 7 dicembre, appuntamento alle 9 e 30 in piazza Baracca, davanti la stazione, il corteo attraverserà via Roma per arrivare poi sotto le finestre del Palazzo. Una ennesima protesta da gestire per il sindaco cinque stelle Michel Barbet che si trova a fronteggiare il malcontento da mesi.

“L’idea nasce perché da settembre le scuole sono state oggetto di furti e atti vandalismo – spiega Valentina, una delle organizzatrici – la preside ha svolto un lavoro eccellente, segnalando sempre con tempestività, più volte ha chiesto la manutenzione ordinaria e straordinaria ma non è arrivata nessuna risposta. Anzi, da quando si è saputo della manifestazione, due giorni fa sono venuti a sostituire il vetro rotto che era in quelle condizioni da luglio”. All’Albuccione la situazione è critica: recinzione bucata segnata dalle buste, topi nella mensa. I furti non colpiscono solo la scuola, “purtroppo ci sono stati quattro colpi anche in chiesa, abbiamo il sostegno del parroco in questa battaglia, se potrà parteciperà”. A Colle Fiorito, non va meglio: il gazebo rotto all’entrata circondato da un nastro ormai è un simbolo, se viene giù chissà che può accadere. “Chiediamo le telecamere nel perimetro esterno – dicono le mamme – l’allarme e la manutenzione ordinaria che non viene fatta”. geape.

gioco d'azzardo dipendenza