Il teatro Imperiale di Guidonia Montecelio torna a Anna Greggi e Gennaro D’Avanzo direttori artistici a capo del progetto che ha vinto il bando attraverso la Gms Eventi srls. In tre si sono presentati con l’offerta artistica per l’Imperiale dopo il flop dell’anno scorso, e tra il gruppo di Greggi e D’Avanzo, l’associazione dei gestori uscenti e il teatro di Tor Bella Monaca, la commissione ha ritenuto migliore l’idea e gli spettacoli previsti dalla guidoniana Greggi che rimette piede nel teatro che d’altronde conosce bene. Proprio l’artista infatti e D’Avanzo arrivato da Milano, hanno tenuto le redini del teatro a Guidonia durante l’amministrazione di centrodestra Rubeis-Di Palma, negli anni clou della cultura dipalmiana, per uscire poi di scena con clamore di polemiche sotto il commissariamento del Comune in uno scontro feroce su cifre dovute dall’ente, metodi, e gestione futura. Dopo tre mesi di braccio di ferro attrezzarano una versione leggera del cartellone fino al giugno delle elezioni. Arrivati al comando i cinque stelle hanno messo in campo un bando pubblico, l’anno scorso, che ha visto vincere  l’associazione Movimento Forza 9  che ha tenuto aperto il teatro senza però riuscire a creare una stagione di successo di pubblico. Fuori quindi Greggi e D’Avanzo, che non hanno mancato di criticare pesantemente le scelte del Palazzo. Tornano in gioco adesso, entrambi direttori artistici, gestiranno il teatro per due anni, formalmente non è più l’associazione San Babila ma la Gms Eventi, il risultato non cambia. Pe rio sindaco Michel Barbet “dopo le biblioteche e il museo, il teatro si aggiunge a quelle situazioni, che al nostro arrivo al Comune, abbiamo trovato precluse per i cittadini ed ora, con un notevole sforzo degli uffici e dell’amministrazione, si accendono le luci non solo sul palco ma soprattutto su tutta la nostra città”. Due anni, in tutto 48mila euro, cifre ben diverse rispetto a quelle a disposizione ai tempi d’oro del centrodestra, ma la stagione partirà già prima di Natale, anticipata da una serata kermesse aperta alla città con tanto di ospiti d’onore.

gioco d'azzardo dipendenza