I dati del primo semestre 2018 confermano la quota raggiunta già nel 2017: a Fonte Nuova e Mentana in due anni di porta a porta la differenziata è arrivata al 76%. Un traguardo rivendicato da quelli che si sono definiti come protagonisti della “rivoluzione green” cioè le amministrazioni comunali, il gestore del servizio l’Ati | Cooplat – Paoletti Ecologia insieme ai cittadini.

Gli obiettivi prefissati in fase progettuale erano quelli diminuire il quantitativo dei rifiuti indifferenziati destinati in discarica e differenziare il 70% dei rifiuti prodotti entro il secondo anno dall’attivazione e di migliorare il decoro urbano grazie all’eliminazione dei contenitori stradali.

In un incontro è stata ricostruita l’azione messa in campo in questi due anni. A partire da luglio 2016 è stata avviata l’attività censimento delle utenze civili e commerciali nonché la georeferenziazione delle stesse e successivamente la distribuzione dei kit per la raccolta differenziata, di dimensioni e tipologie variabili a seconda delle utenze interessate. Le attività di censimento, georeferenziazione e distribuzione dei contenitori hanno riguardato complessivamente oltre 20.000 famiglie, e 1500 utenze commerciali, per una popolazione servita di circa 56.000 abitanti. Complessivamente l’Ati Cooplat – Paoletti Ecologia ha provveduto alla distribuzione di circa 55.000 contenitori per la raccolta differenziata nelle utenze domestiche e in quelle commerciali.

L’attività di censimento georeferenziazione e distribuzione è stata preceduta da un’intensa campagna di comunicazione contornata da diversi incontri con la cittadinanza, affissioni stradali, pubblicazione di siti internet e distribuzione di guide pratiche, con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione alla modifica del servizio e alle buone pratiche della raccolta differenziata. Contestualmente all’avvio del nuovo servizio si è provveduto alla completa rimozione dei vecchi cassonetti stradali. Complessivamente da settembre a novembre 2016 sono stati rimossi 547 cassonetti indifferenziati e 429 cassonetti per la differenziata per la raccolta stradale dei rifiuti.

Con l’introduzione del nuovo servizio porta a porta la percentuale di raccolta differenziata prodotti nei Comuni di Fonte Nuova e Mentana è sensibilmente aumentata passando come dato medio dal 17% (dato Ispra mediato sui due comuni) del 2016 al 76% del 2017 e dato che si è confermato anche nel periodo gennaio-ottobre del 2018. Questi dati hanno consentito di superare quota 70% di rifiuti differenziati con un anno di anticipo rispetto a quanto previsto in fase progettuale.

Complessivamente nei due comuni si è registrato nel corso del 2017 una riduzione della produzione di rifiuti indifferenziati pari a circa 5.000 ton rispetto al 2015.

«Quando nel 2016 – dice Mauro Della Valle, presidente di Paoletti Ecologia – siamo arrivato nei comuni di Fonte Nuova e Mentana, abbiamo trovato dei territori oggetto di un massiccio abbandono dei rifiuti che provenivano anche dai territori limitrofi vista la particolare posizione geografica dei Comuni di Fonte Nuova e Mentana alle porte della città Roma. In tre mesi ci siamo attivati per censire georenferenziare tutte le utenze civili e commerciali, comunicando attraverso molteplici incontri con la cittadinanza spiegando il lavoro che stavamo svolgendo, evidenziando l’importanza e la finalità del servizio di raccolta differenziata che non possiamo nascondere ha cambiato radicalmente le abitudini dei cittadini. Gli obiettivi oggi raggiunti, due anni fa sembravano essere molto lontani ma siamo riusciti a lavorare con la piena collaborazione delle amministrazioni sulle abitudini della popolazione residente facendo crescere nel territorio una sensibilità ambientale, di decoro e di rispetto dell’ambiente delle città. Adesso il nostro obiettivo è quello di migliorare la sicurezza dei lavoratori e di integrare nuovi servizi ed in particolare l’apertura della prima isola ecologica di Fonte Nuova e la seconda di Mentana».

«Potremo oggi dire missione compiuta, – commenta Ignazio Schirru di Cooplat – ma così non sarà, la mission delle nostre aziende è infatti quella di traguardare risultati sempre più ambiziosi che possano contribuire a rendere le città nelle quali operiamo sempre più vivibili e gradevoli per ciò che comporta l’ambiente ed il decoro urbano. La qualità e la risposta che i cittadini hanno compiutamente manifestato finora ci fanno ben sperare e saremo ben lieti con la fattiva collaborazione delle amministrazioni comunali di poter contribuire ancora a migliorane in tal senso la qualità della vita provando, se ci riesce, a ridurne al minimo i disagi che finora abbiamo tutti dovuto affrontare. Nel ringraziare tutte le parti in causa per la preziosa collaborazione, l’occasione ci è propizia per augurare anticipatamente i nostri migliori auguri per l’approssimarsi delle festività oramai alle porte».

«Conosciuto oramai a tutti il livello di raccolta differenziata raggiunto nel nostro territorio è pari al 78,20%, – dice Martina Traini, Assessore all’Ambiente del Comune di Fonte Nuova – esprimo pertanto la mia più completa soddisfazione per il risultato conseguito e ringraziato la Ditta ATI – Cooplat – Paoletti Ecologia, il personale operativo, gli uffici del Comune ed in modo particolare i cittadini, che hanno inteso rispettare calendario e modalità di conferimento per rendere possibile la raccolta differenziata sin da subito. L’Amministrazione Comunale tutta intende comunque andare oltre tale percentuale perché, ciononostante, permangono possibilità di miglioramento. Tramite, per esempio, il Piano di Comunicazione, in questo terzo anno di avvio, si focalizza l’attenzione prevalentemente sui concetti di “trasformazione del rifiuto”, sul suo riuso e riciclo; l’operato si concentrerà, a Fonte Nuova, intorno a tematiche di importanza fondamentale, cercando di toccare quelli che ad oggi sono identificati come “utenti sensibili”, punteremo a sensibilizzare utenti che ad oggi risultano ancora non adeguatamente indirizzati verso il giusto modus operandi della raccolta differenziata, come Condomini, Associazioni territoriali presenti sul territorio con le loro Manifestazione e Sagre, tutto mosso da un unica finalità, alzare ancora di più la nostra percentuale. Si punterà inoltre verso una sensibilizzazione più filtrante sulla pratica del compostaggio, grazie anche all’ottenimento del finanziamento regionale per la realizzazione di impianti di compostaggio e auto compostaggio. Un dato importante da sottolineare è espresso dal fatto che Fonte Nuova, nonostante non abbia ancora il suo Centro di raccolta, presenta ad oggi un risultato a dir poco identificativo, rappresentativo della volontà di ogni cittadino di voler sempre di più rispettare, salvaguardare e tutela l’ambiente, differenziando e cercando di capire nel senso vero dell’atto pratico cosa significhi differenziare e quali siano i vantaggi che si traggono da questa pratica. Gli obiettivi sono molti e l’impegno di questa amministrazione, sempre supportata da un lavoro costante e presente della Ditta Ati – Cooplat – Paoletti Ecologia, volge verso una vera risposta a tutte le problematiche ambientali del caso, con la pubblicazione da parte della SUA del bando per la realizzazione del Primo centro di Raccolta in Località  Salvatoretto, con l’ottenimento del secondo finanziamento per la realizzazione di un secondo centro a Santa Lucia, avvalorato anche da un patto d’intesa con il limitrofo comune di Sant’Angelo romano, e con la volontà di arrivare verso la Tariffazione Puntuale».

«La raccolta differenziata porta a porta – conclude Marco Benedetti, sindaco di Mentana – rappresenta un importante fattore di miglioramento ambientale, di vantaggio economico per la comunità oltreché ha restituito decoro pubblico alle nostre vie grazie all’eliminazione dei cassonetti stradali. Questi importanti risultati sono il frutto della collaborazione tra i cittadini, il gestore del servizio e l’amministrazione comunale. Ma è solo l’inizio del percorso. Infatti, abbiamo altri importanti obiettivi: quello della tariffazione puntuale, ossia il metodo grazie al quale chi più differenzia meno paga; e quello della riduzione al massimo del rifiuto indifferenziato. Il bando regionale per la realizzazione di compostiere di comunità, vinto dall’Amministrazione Comunale, ci aiuterà a ridurre significativamente i costi di smaltimento dell’umido. Ci tengo a sottolineare, inoltre, l’ottimo risultato conseguito grazie all’apertura, in supporto alla raccolta domiciliare dei rifiuti, del Centro di Raccolta Comunale che, nel corso del 2017, ha fatto registrare 6311 accessi da parte di cittadini residenti che hanno potuto conferire 127.180 kg di rifiuti. In prospettiva si sta lavorando anche alla realizzazione di un secondo Centro di Raccolta individuato nella zona della frazione di Castelchiodato e che aumenterà le potenzialità della raccolta e della gestione dei rifiuti. Siamo soddisfatti ma vogliamo fare ancora di più».

gioco d'azzardo dipendenza