Sono i Seveso Casino Palace gli eliminati del quarto live della dodicesima edizione di X Factor, lasciando il loro mentore e giudice Lodo Guenzi con un solo concorrente. Apre la puntata un personaggio d’eccezione, la 74enne Germaine Acogny, coreografa senegalese considerata madre della danza africana.

Ospiti della serata anche Gianna Nannini ed Enrico Nigiotti, ex concorrente del talent, seguiti da Max Gazzé e dal rapper romano Carl Brave. Novità per la quarta puntata è la divisione dei concorrenti in tre manche, al termine delle quali i meno votati di ciascuna si sono sfidati in una lotta all’ultimo sangue.

Aprono la prima batteria i Seveso Casino Palace con “Standing In The Way Of Control” dei The Gossip, seguiti dalla over di Fedez Renza Casteli con “La costruzione di un amore” nella versione di Mia Martini e da Martina Attili che porta sul palco con un pezzo di Birdy, “Strange Birds”.

La seconda manche si apre invece con Naomi che canta “Crisi metropolitana” di Giuni Russo e Franco Battiato, una scelta azzardata che le costerà il ballottaggio. E’ il turno di Leo Gassmann, concorrente della categoria under uomo di Mara Maionchi, che per la prima volta si cimenta in un pezzo in italiano, “Pianeti” di Ultimo, seguito da Sherol Dos Santos, la fuori classe di Agnelli, con un grande classico “I Will always love you” di Whitney Houston.

La terza e ultima manche si apre con l’esibizione dell’under uomo Anastasio, che porta sul palco una versione in italiano di “Another brick in the wall” dei Pink Floyd, seguito dalla giovane Luna con “Eppur mi son scordato di te” di Battisti e infine i BowLand con “Drop The Game” di Chet Faker e Flume. Luna e i Seveso Casino Palace si sfidano all’ultimo scontro con i cavalli di battaglia, dal quale escono eliminati il gruppo di Lodo.

Virginia Gigliotti

gioco d'azzardo dipendenza