La messa e il pranzo nella piazzetta dell’Orologio, nel pomeriggio il musical “La bella e la bestia” portato in scena dalla compagnia “Accento Accento” della parrocchia di Sant’Atanasio. E’ stata vera festa ieri a Sant’Angelo Romano per l’apertura dell’anno pastorale. Un segnale preciso lanciato ancora volta dal parroco don Adrian Lupu: “C’è bisogno di fare comunità e condividere il tempo – dice – in una società che tende ad isolarsi. I social e la tecnologia ci aiutano ad essere connessi, ma i piedi devono rimane per terra”. Da qui il filo conduttore dell’anno, che sarà anche al centro dell’attività dell’oratorio: “Uscire dall’egoismo per andare incontro agli altri. Prendiamo l’impegno ad essere generosi”.

L’oratorio. Un centinaio tra nuovi arrivi e giovani di cresima e post cresima. Si rilancia l’oratorio con una formula già rodata: un andamento leggero, tra gioco e insegnamento, per trasmettere valori importanti e un metodo. Tema dell’anno: “Gesù, la rivelazione – spiega don Adrian – Cioè riconoscere Gesù nelle cose concrete”. RedCro

gioco d'azzardo dipendenza