Scatta l’appello ai consiglieri di maggioranza: dimissioni per consentire lo scioglimento anticipato dell’amministrazione Barbet e riportare Guidonia Montecelio al voto. A chiederlo è il consigliere del Pd Mario Lomuscio, troppe secondo il democrat, le mancanze del governo cittadino. La defezione dalla Giunta di Marco Colazza “da un assessorato delicato come i lavori pubblici”, avvenuta oggi, è l’ennesima prova della precarietà dell’amministrazione.

“Mi sento di ribadire con forza l’inadeguatezza del sindaco Barbet e di tutta la sua giunta, un’amministrazione sorda e cieca, che ha svestito i panni di tutore dei cittadini e vestito quelli di burocrati senza scrupoli. La testimonianza evidente è la gestione della questione revoca delle cave di Guidonia, una sentenza che ha piegato gli umori dei lavoratori coinvolti e via via ha avuto ripercussioni sull’intera città. Ad oggi non possiamo più permettere che si continui a giocare sulla pelle dei nostri cittadini e le parole del sindaco che annunciano un nuovo assessore risuonano ormai come le parole di un presentatore in un programma televisivo”.

Ecco perché il consigliere si rivolge ai banchi dei cinque stelle: “Mi affido a quanti fra i miei colleghi seduti in maggioranza, possano avere in questa drammatica situazione, un barlume di lucidità e siano capaci di dimostrare il coraggio che l’intera città grida a gran voce. Le dimissioni a questo punto rappresentano un atto dovuto e una presa di coscienza da parte di tutti che questa situazione non è più procastinabile. Dobbiamo soltanto prendere atto che questa amministrazione e questo sindaco non sono  più in grado di discernere la realtà cittadina da quella virtuale che gli viene raccontata e si raccontano nei meet up”.

gioco d'azzardo dipendenza