Dopo il flop della stagione appena conclusa, il Comune di Guidonia Montecelio torna alla carica aprendo la ricerca per i prossimi due anni del teatro Imperiale. Sala vuota, una decina di volta in volta, nonostante l’articolato progetto degli organizzatori che volevano rendere la struttura una casa della cultura, la risposta della città è stata pessima. Colpa della qualità degli spettacoli? Della mancanza di una rete nel territorio? Avrà influito il clima pessimo con gli ex gestori? Difficile dirlo, di certo l’esperimento culturale dell’era Elisa Strani e dei cinque stelle è stato un semi disastro. Ma il Palazzo non si perde d’animo e scende di nuovo in pista, con 48mila euro a disposizione per il biennio e la richiesta di progetti culturali che comprendano non solo il cartellone degli spettacoli ma le proposte per altre iniziative artistiche, dalle scuole ai centrio anziani.