Assemblea permanente e pubblica da domani mattina alle 8 dei lavoratori delle cave nel parco di piazza San Giuseppe Artigiano a Villanova, giornata decisiva per le sorti del settore estrattivo di Guidonia Montecelio. Nelle stesse ore infatti si terrà una riunione determinante a Roma. “L’assessore regionale ha un piano di riforma del settore che guarda alle diverse sensibilità in campo”, spiega Claudio Coltella della Fillea Cgil che insieme alla Feneal Uil e alla Filca Cisl sta sostenendo le ragioni dei dipendenti delle cave che vedono a rischio il proprio posto di lavoro. Circa 2mila persone, tra diretti e indotto, sono coinvolti dallo scontro che da mesi vede il Comune cinque stelle dare battaglia ai cavatori a suon di carte bollate, pre dinieghi e avvisi di revoca delle autorizzazioni. Dopo il rinvio dell’altra settimana, l’assessore Manzella torna a riunire domani tutte le parti coinvolte su un documento sul quale discutere. “Questo significa che le basi per provare a risolvere i problemi ci sono e che domani si vedrà chi ci sta e chi no”. Ma la tensione non si placa, ecco perché per tenere tutti informati dalle 8 assemblea permanente a Villanova. La delegazione sindacale di ritorno da Roma deciderà, insieme ai lavoratori, le mosse successive.