La Festa della Musica torna a Roma giovedì 21 giugno con oltre 400 appuntamenti in tutta la città. Dalle 16 alle 24 amatori, professionisti, bande, gruppi, dj, solisti e cori si esibiranno per le strade e nei luoghi più sconosciuti e inaspettati del centro e della periferia.
Musei, ospedali, edifici pubblici e luoghi non destinati al mondo delle note aprono le porte ad eventi gratuiti ospitando musica di ogni genere, dalla classica al reggae, dall’elettronica al pop.
In programma anche un fitto calendario di eventi organizzato da istituzioni pubbliche e private quali accademie, ambasciate, biblioteche, centri anziani, scuole, carceri, librerie, teatri, istituti di cultura, ospedali e centri sportivi. Quest’anno la Festa della Musica di Roma renderà omaggio a Edoardo Vianello che si esibirà da un batterio sul Tevere all’altezza di ponte Garibaldi alle 21 e 21 invitando tutti a cantare uno dei suoi successi.
Novità per l’edizione 2018, che ha visto moltiplicare le adesioni e la partecipazione della cittadinanza, sono gli eventi che possono essere seguiti anche da persone non udenti grazie a performance con interpreti Lis, lingua italiana dei segni, al giardino Aldo Tozzetti con lo spettacolo musicale “Ci vuole cuore per sentire”, al Teatro Tor Bella Monaca il con “Tributo a Pino Daniele in Lingua dei Segni”, e in piazza del Campidoglio con il “Coro delle ManiBianche” che eseguirà brani nella Lis insieme al QuadraCoro. La giornata potrà essere interamente seguita su facebook, twitter e instagram attraverso Cultura Roma, il nuovo account dedicato alla cultura, uno spazio in cui raccontare e condividere le iniziative culturali nella città. La manifestazione è promossa da Roma Capitale, Assessorato Crescita culturale, Dipartimento Attività Culturali con la comunicazione di Zètema Progetto Cultura e aderisce alla Festa della Musica del Mibact, Società Italiana degli Autori ed Editori Aipfm, Associazione italiana per la Promozione della Festa della Musica (coordinamento nazionale). vigi.