Aneddoti, storie, personaggi, ma anche ricette, soprannomi, risate strappate grazie alla traduzione, per chi non ha dimestichezza con il dialetto. Memorie marcellinare è il libro scritto da Francesco Bruccoleri, un viaggio nella tradizione con 45 racconti in dialetto e in italiano, e un dono – perché lo è – al paese adagiato ai piedi del Monte Morra, in provincia di Roma, dove vive “una popolazione fiera e generosa”. Iniziato alla fine degli anni ’90, dedicato alla mamma Elisa, “era l’ultimo periodo della sua vita – ricorda Bruccoleri – e trascorrevamo il tempo insieme seduti davanti casa, lei raccontava le storie del paese e io mettevo insieme elementi”. Un lavoro che è andato avanti ed è stato poi ripreso di recente, aggiornato con il contributo degli spunti arrivati da più parti. “Vede mi sono ritrovato ad abitare a Marcellina dopo 20 anni e mi sono reso conto che le immagini più preziose che mi tornavano alla mente erano dimenticate e non più presenti tra le nuove generazioni”. Così racconta l’impulso, una necessità, “ecco ha proprio colto il senso, è stata una necessità” dice nella chiacchierata per capire l’ispirazione di un impegno minuzioso e creativo. Il dialetto è lo strumento per veicolare la storia di Marcellina, “le consuetudini, le usanze”, ma grande spazio è per i personaggi. “Come in tutti i paesi anche da noi ci sono le figure tipiche, le ricordiamo insieme. Prima il modo di rapportarsi era completamente diverso”. E i cambiamenti offrono però anche delle opportunità, è il caso del gruppo facebook “dove abbiamo condiviso ricordi, e così mi sono arrivati nuovi stimoli per il libro”. Bruccoleri spiega, “come probabilmente sta succedendo in ogni paese dell’occidente industrializzato, anche questa piccola comunità sta subendo il livellamento causato dalla civiltà dei consumi e probabilmente fra qualche decennio saranno completamente perse quelle caratteristiche e peculiarità che, per chi le ha vissute, sono estremamente care e vorrebbe vederle conservate. Le piccole storie che scrivo, forse inesatte e falsate dalla lente della mia infanzia, vogliono tentare di farle rivivere anche nella memoria degli abitanti delle generazioni attuali e future”. Il libro sulle tradizioni viaggia ai tempi di oggi, si acquista infatti online, su Amazon, ma anche in alcuni esercizi commerciali di Marcellina, la cartolibreria di Emanuela in via Regina Elena, la tabaccheria di Ezio in piazza, la tabaccheria di Balzotti. E visto che il libro parla ai giovani, sulla copertina c’è la mano del futuro. “Si ringrazia l’artista Fabio Bruccoleri per aver contribuito alla realizzazione della copertina con ‘luci’ realizzata a 5 anni di età”.

memorie