La carenza di organico, praticamente una costante per le strutture sanitarie del Lazio, aveva portato al blocco del servizio, temporaneo per carità, ma di fatto non si poteva più fare quell’esame che si chiama EcocolorDoppler arterioso dei vasi epiaortici, arterioso e venoso. Si tratta di un esame diagnostico utile sia alla prevenzione delle malattie cardiovascolari che alla diagnosi delle patologie cerebrovascolari. Insomma un prezioso strumento che nell’ospedale “San Giovanni Evangelista” era indisponibile, insieme alle visite angiologiche. Per il momento l’attività non riprenderà a pieno regime: sarà infatti attivata una seduta settimanale, quella del martedì dalle ore 13 alle 15, con prenotazione massima di 6 esami. “L’operazione è stata possibile grazie anche alla disponibilità del primario, il Dott. Massimo Marci, essendo stata anche superata la fase di carenza di organico che aveva portato ad una sospensione temporanea del servizio – Fanno sapere dalla ASL Roma 5, guidata da qualche mese da un attivissimo, va detto, Giuseppe Quintavalle -. Nelle prossime settimane si valuterà la possibilità di ampliare il servizio con altre sedute”.