Nelle sale dal 14 febbraio A casa tutti bene è l’ultimo film di Gabriele Muccino, regista romano dalla fama internazionale che dopo il successo negli Usa torna a dirigere un film italiano. La pellicola vanta la presenza di un cast stellare: da Pierfrancesco Favino e Stefano Accorsi, già alla terza collaborazione con il regista, a Claudia Gerini, Massimo Ghini, Gianmarco Tognazzi, Carolina Crescentini, Sandra Milo, Valeria Solarino, Stefania Sandrelli, Giampaolo Morelli, Giulia Michelini, Ivano Marescotti, Gianfelice Imparato e Sabrina Impacciatole.

L’isola di Ischia, mai nominata esplicitamente, ma ribattezzata “l’isola che non cè”, fa da sfondo alla vicenda familiare dall’epilogo tragicomico. In occasione delle nozze d’oro di Alba e Pietro (alias Stefania Sandrelli e Ivano Marescotti) l’intera famiglia, figli, nipoti, cugini, zie, ex mogli e fidanzati, si riunisce sull’isola per festeggiare. Quella che sarebbe dovuta essere una breve permanenza, in accordo con gli impegni di ognuno, si trasforma in un soggiorno di due notti: un’improvvisa mareggiata blocca il transito dei traghetti costringendo tutti a rimanere sull’isola.

La vicinanza forzata distrugge il già labile equilibrio tra gli invitati portando a galla turbamenti, questioni in sospeso, tradimenti, gelosie, infatuazioni. A casa tutti bene è un film decisamente mucciniano, in linea con lo stile di molte delle sue pellicole: personaggi in crisi di mezza età, isterici o in preda allo smarrimento. Una storia di una grande famiglia sull’orlo di una crisi di nervi, dai temi veri, vicini alla vita reale, in cui è facile riconoscersi anche solo in parte e che fanno di questa il suo successo.
Virginia Gigliotti

gioco d'azzardo dipendenza