Sono arrivati uno dietro l’altro e l’ultimo in ordine di tempo è quello firmato da Viva Tivoli, che dice “no” ad un appoggio compatto e univoco verso Maria Rosaria Cecchetti, candidata alla elezioni regionali a sostegno di Sergio Pirozzi. Dopo Una Nuova Storia e il Movimento Tivoli Terme, dunque, anche il gruppo capitanato da Gianni Innocenti ha manifestato la distanza da una posizione che per molti sembrava scontata. “A Tivoli le voci e la disinformazione, accompagnate da tendenziosità, provengono da ogni parte, alcune riguardano la posizione dell’amministrazione comunale che, composta da movimenti civici, appoggerebbe compatta un candidato alle regionali”, fanno sapere in una nota diffusa in questi giorni dove la posizione viene spiegata in cinque punti tutti legati da un unico comune denominatore: la libertà di scelta. “Gli aderenti a W Tivoli, in base allo Statuto ed al Codice etico del Movimento, sono liberi di scegliere e di sostenere liste e movimenti civici candidati alle elezioni purché i loro principi fondativi si riconoscano nei Principi Democratici, nella Costituzione italiana e nelle regole non scritte della convivenza civile”, aggiungono. Una posizione in realtà prevedibile: la decisione del sindaco di Amatrice, l’outsider del centrodestra, di portare in questa avventura amministratori locali non vuol dire automaticamente trascinare tutte le amministrazioni. Un dettaglio che alla fine della fiera potrebbe pesare non solo in terra tiburtina. alc