La rivoluzione dei rifiuti arriva anche in centro storico a Tivoli, dove la politica della differenziazione ha fatto il suo ingresso già da qualche giorno, per essere precisi dall’8 gennaio. Una faccenda seria per i tiburtini, che mano mano si trovano alle prese con le modalità di separazione dell’immondizia tra mille peripezie. Alla questione di come dividere quello che in casa non entra più, si aggiunge anche il fenomeno del “pendolarismo dell’immondizia”, che vede i più pigri riottosi a intraprendere il nuovo corso pronti, ogni giorno, a fare chilometri in macchina o a piedi per scaricare le buste dove è ancora possibile nei secchioni verdi che restano in giro. Gli incontri formativi fatti dall’Asa spa, l’azienda che si occupa di gestire il servizio di raccolta dei rifiuti, si sono tenuti già alla fine del mese di dicembre, insieme alla consegna del kit, rito che si ripeterà anche nella giornata di oggi dalle ore 14.30 alle ore 17 in piazza Domenico Tani. Lì sarà possibile prendere gratuitamente tutto l’occorrente previa consegna della bolletta pagata e di un documento di riconoscimento. Intanto le polemiche non sono mancate sui social network, dove i cittadini sono decisamente attivi. Tra atti di inciviltà segnalati e problemi di vario tipo, la questione della raccolta differenziata pare essere argomento privilegiato tra i tiburtini. alc