“Un incontro emozionante”. Pasquale Velardi commenta così l’esito del convegno organizzato sabato a Marcellina, “Ti amo da morire” il titolo suggestivo per affrontare con esperti, politici e tanti partecipanti il tema della violenza sulle donne. “Questo non è un problema di una singola donna, ma un problema della società tutta. Un ringraziamento speciale va alla deputata Barbara Saltamartini – dice Velardi – a William de Vecchis, all’ispettore superiore dottor Davide Sinibaldi e alla dottoressa Caterina Nesci, a Sirio Veroli, perché con i loro interventi hanno emozionato e coinvolto le persone presenti. Ringrazio coloro che hanno collaborato con me alla riuscita della manifestazione Tiziano Di Giambattista, Ermanno Mandaglio, Luca Carrettò, Giovanni Gallo, Angelo Volpe, Marcella Gubinelli, Barbara Selleri, Francesco Scaleggi, Sassi Dino”. Presente da Guidonia anche la consigliera Giovanna Ammaturo che ha ricordato, “di femminicidio nel 2017 al 30 di ottobre le vittime sono state 115. Erano state 150 nel 2016 e 142 nel 2015. Sono aumentate non certo diminuite come i casi di violenza sessuale e corporale. Ma quanti di questi uomini marciscono in galera? Quanti hanno avuto l’ergastolo? A Noi con Salvini le chiacchiere servono a poco, la prossima settimana passerà in Aula a Montecitorio un emendamento della Lega per evitare che chi si macchia di certi delitti tra cui il femminicidio e violenza sui bambini non sia ammesso ad alcuno sconto di pena”.
velardi2