Questa mattina un centinaio di giornalisti e operatori si sono trovati a Ostia per un sit-in di solidarietà spontaneo nato nella giornata di ieri dai social e intanto è stata fissata per il 16 novembre alle 17 sempre nel municipio sul litorale romano la manifestazione in difesa della libertà di stampa. Un appuntamento voluto dalla Federazione nazionale della stampa e da Libera dopo l’aggressione di Roberto Spada alla troupe di Nemo, manifestazione alla quale parteciperà anche il sindaco di Roma Virginia Raggi, come ha annunciato via tweet. “L’aggressione di Ostia non è stato solo un atto violento e squadristico contro i cronisti, ma anche un’aggressione all’articolo 21 della Costituzione e al diritto dei cittadini ad essere informati – dicono gli organizzatori – Per questo dobbiamo reagire insieme chiamando in piazza cittadine e cittadini che credono nella Costituzione, nella legalità, nella libertà di informazione, nel diritto ad una vita dignitosa liberata da mafie, malaffare, corruzione. Invitiamo cittadini, associazioni, istituzioni a ritrovarsi dalle ore 17 a Ostia e chiediamo a tutti coloro che hanno a cuore i temi della legalità e della libertà di stampa di partecipare”.

Carlo Verna (Odg). “Il giornalista è il postino del diritto del cittadino di sapere. La strada per il recapito non gli può mai essere interdetta con violenze, minacce, ostacoli di vario tipo. L’occasione per ribadire l’adesione alla manifestazione di giovedì 16 ad Ostia, promossa da Libera e dalla Fnsi, già immediatamente resa nota via tweet è quella giusta per sottolineare il concetto della ragion d’essere di un ordine professionale cui per legge sono obbligati ad aderire tutti coloro che svolgono attività giornalistica. Chi si occupa come noi di accesso, deontologia e formazione ha però ben chiaro un concetto: senza la libertà di informazione il giornalismo non ha una sua ragion d’essere, perché il rispetto della verità cui siamo tenuti non può in alcun modo essere messo a rischio”.

Usigrai. “Saremo lì non solo per esprimere la nostra solidarietà ai due cronisti aggrediti, ma a ribadire che colpire i giornalisti vuol dire colpire tutti i cittadini e il loro diritto a essere informati. Saremo a Ostia per dire che quel territorio, che nessun territorio, può essere lasciato al controllo di squadristi e criminali”.

Scaramucci (Articolo21). “Articolo 21 aderisce alla manifestazione indetta dalla Federazione nazionale della stampa e Libera per giovedì 16 novembre dalle ore 17 a Ostia. Raccogliamo l’appello a scendere in piazza per sostenere la legalità e la libertà di stampa. La presenza ad Ostia di Articolo 21, possibilmente con tutte le organizzazioni dei giornalisti e le altre associazioni come noi impegnate su questi temi, ha una valenza particolarmente importante e rappresenta un’azione forte e rilevante di autentica “scorta mediatica” che è per noi impegno prioritario”.