di Vincenzo Perrone

Torna sulla scena rap locale la scimmia di Guidonia, stiamo parlando di Simone Cavina in arte “Monkey”, giovane rapper che tra la fine di agosto e l’inizio di settembre uscirà con il suo nuovo album “Karma snob”. Cinque tracce di ironia pungente con cui il giovane tratta i temi di stringente attualità delle inchieste giudiziarie che hanno colpito la città dell’aria al rap italiano dove a suo dire è pieno di Karma snob. Si parte con la prima traccia che da il titolo all’album. “Ho scritto questo pezzo insieme ad una poetessa- continua il giovane- mentre la base è composta dal mio amico Federico Di Paolo in arte Fex. Nel nostro ambiente chi raggiunge alti livelli è snob anzi karma snob ed è così che prendo in giro i mostri sacri.” Non mancano come detto le vicende giudiziarie locali, presenti nel secondo pezzo “Mister antipatia”, che hanno portato dietro le sbarre diversi big del palazzo guidoniano. “E’ una canzone sarcastica e di protesta, con una metafora tratto ciò che è successo all’interno del comune dove vivo”. Continuando a sentire l’album di Monkey l’attenzione non può che soffermarsi sul terzo pezzo “Elenoir” inno al purismo del genere rap. “Con questa canzone- afferma il giovane- parlo della differenza tra trap e rap. E’ bene capire che il trap ha un suono molto diverso e punta molto sulla scenografia e sul balletto. Io sono un rapper e questo genere non mi appartiene. Nel pezzo c’è la collaborazione del beat-maker Patrizio Pat della Clandestino Records che ha realizzato le basi.” Non mancano le beghe con i rapper locali nel brano “Squalo 1.0”. “Non sopporto chi si fa pubblicità alle mie spalle e parla male di me. E’ di questo che parlo con il mio squalo.” Più intimista, invece, “106” quinto brano di Karma snob. “Parto da una storia di sofferenza, questo pezzo vuole essere un inno a non arrendersi perchè la protagonista della mia canzone ce l’ha fatta. Per questo brano ho lavorato fuori dai confini regionali con il bergamasco Shock Producer della casa discografica Tunnel Wood.” Intanto fervono i preparitivi per l’album a cui sta lavorando anche il fonico Federico Ardesse. “E’ stato prezioso il contributo di Federico Ardesse e del fotografo Lucas Mel che ha realizzato la copertina. Anche grazie a loro il mio Karma snob prenderà presto vita.”